giovedì 16 ottobre 2008

15 milioni di poveri. Ma continuano a tagliare lo stato sociale.

La crisi finanziaria sta occupando le prime pagine di quasi tutti i quotidiani. I telegiornali aprono ad ogni edizione con l'andamento delle borse e con la fiducia dei mercati. E poi via con servizi su riunioni di capi di stato, accordi raggiunti ed altri sfumati, Berlusconi che va da Bush e Tremonti che espone ricette come stesse parlando di torte alle mele. E poi ancora gli interventi di Confindustria, per bocca della lady di ferro, Emma Marcegaglia che parla della necessità di interventi dello Stato e lo Stato interviene finanziando le banche ed i padroni.
C'è una grossa crisi finanziaria, che ancora non ha fatto sentire i suoi effetti sull'economia reale ed intanto Berlusconi chiede agli italiani di avere fiducia nelle banche, mentre le banche non si fidano l'una dell'altra. Dice, Berlusconi, di non togliere i risparmi dalle banche perchè, rassicura il premier, non un centesimo verrà perso.
Forse questa volta c'è da credergli. Difficilmente gli italiani perderanno dei risparmi a causa crisi finanziaria, visto che spesso gli italiani il risparmio non possono permetterselo: 15 milioni sono infatti i poveri in Italia secondo l'ultimo rapporto della Caritas, il 13% della popolazione che vive con meno di 500-600 euro al mese.

E cosa si fa per porre un argine al rischio povertà? Si destina alla lotta all'esclusione sociale la miseria di 0,1% del Pil. Il più basso d'Europa (la media europea è dieci volte superiore). Una presa per il culo, a chi le chiappe è già costretto a coprirle con delle pezze. Una presa per il culo senza effetti concreti ovviamente, visto che gli interventi pubblici italiani abbassano il tasso di povertà relativa di appena 4 punti, contro gli 11 dell'Olanda, i 12 della Francia, i 17 della Norvegia.
Investimenti per la lotta alla povertà, quindi, ridicoli e malspesi ed ancora in riduzione per il prossimo anno. Nuovi tagli di spesa sono in arrivo ed ancora allo stato sociale. In quale settore? In quello tanto sbandierato dal centrodestra, uno dei loro cavalli di battaglia: la famiglia. Un taglio del 32% al fondo per le famiglie, si abbatterà sulla testa di migliaia di persone bisognose. Lo ha ammesso Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del consiglio, intervenendo alla Comissione Affari sociali.
E così saranno ridotte drasticamente le bollette sociali per le famiglie numerose e la riqualificazione degli assistenti familiari; mentre la "social card" di cui il governo andava fiero, probabilmente rimarrà un’una tantum. Una nuova mazzata allo stato sociale, dovuta anche alla decisione del governo di togliere l'ICI. Alla faccia di chi si è fatto infinocchiare dalle proposte del governo.

Non c'è che dire siamo in crisi ed il governo continua ad alimentarla. Una crisi non fatta di pezzi di carta straccia ad uso di speculatori finanziari. E' una crisi concreta e palpabile, che si abbatte come al solito sui più deboli. E' una crisi che la popolazione italiana avverte da molto tempo. E' una crisi di vita quotidiana, di milioni di persone che spesso non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena. E' una crisi di dignità, che porta centinaia di migliaia di persone a fare la fila nelle mense delle associazioni che si occupano di povertà. Sono milioni di crisi personali, di gente costretta anche ad umiliarsi, pur di riuscire a trovare anche uno straccio di lavoro malpagato, insicuro e precario.
E' una crisi che dovrebbe farsi sentire nelle coscienze del potere politico ed economico. Ma questo è difficile immaginarlo anche in una condizione di grave delirio.

13 commenti:

Uhurunausalama 17 ottobre 2008 15:58  

Quello che mi fa più arrabbiare è che questa crisi oltre che essere alimentata dal governo viene,dallo stesso,negata:non so se hai visto la puntata di Santoro ieri..quel testa di ***** di della vedova (o come si chiama)negava i dati che hai pubblicato tu della Caritas.Ma è possibile che per questo governo i dati,le statistiche siano sempre sbagliate???ed erano false sempre quelledel governo di centro sinstra?!..per non parlare della pessima figuraccia sulla sanità:ma quando mai le cliniche private ora sono più alla portata dei cittadini 'normali'?ma dove vive questo qua???

Crocco1830 17 ottobre 2008 16:14  

@ Uhuru na usalama: viene in effetti negata la crisi reale, quella cioè vissuta nella quotidianità delle persone in carne ed ossa.
Ho visto la puntata di Annozero ieri ... e la gastrite ha ricominciato a farsi sentire.

Tisbe 17 ottobre 2008 16:20  

Non so dire altro che è vergognoso. Il nostro welfare è da terzo mondo e non da paese civilizzato

il Russo 17 ottobre 2008 17:14  

E adesso si parla addirittura di mutua per gli animali quando gli uomini spesso muoiono in mezzo a corridoi di fatiscenti ospedali...

Uhurunausalama 17 ottobre 2008 19:05  

Crocco,ormai convivo con la gastrite..

Riverinflood 17 ottobre 2008 19:17  

Questo stato sociale è, per adesso, una repubblica sociale fondata sul privato. Il tutto senza etica né morale.

tommi 17 ottobre 2008 20:03  

io spero che questa crisi economica faccia cambiare rotta ai vari governi europei. asta con l'inseguire il modello americano. se siamo riusciti a non entrare eccessivamente nella spirale americana è solo perché noi abbiamo un welfare state ed un concetto di regolamentazione invidiabile. spero che il nostro governo in primis, capisca che è con regole etiche ed uno stato sociale forte che si fanno gli interessi dei cittadini.
dopo la crisi del '29 arrivo il new deal. e oggi?
tommi

SCHIAVI O LIBERI? 17 ottobre 2008 20:26  

Secondo me oltre che nelle coscienze dei politici dovrebbe entrare anche in quelle di chi la crisi la subisce. Troppo impegnati a tirarsi la zappa sui piedi.
Ciao Crocco

Franca 18 ottobre 2008 10:35  

Il Governo sta pensando ai poveri: alle "povere" banche, alle "povere" imprese e così via...

Piedone L'africano 18 ottobre 2008 13:13  

La domanda che va posta è però: i soldi dello stato sociale arrivano sempre tutti a destinazione?

riccardo gavioso 18 ottobre 2008 14:02  

non posso che quotare l'ottimo commento di Franca.

un buon fine settimana

BC. Bruno Carioli 18 ottobre 2008 17:55  

Quoto la Franca ed il Russo.
Avrei commentato come loro insieme.

Aride 19 ottobre 2008 20:23  

Siamo nelle mani di sciagurati vergognosi....
Ribellione ora, ad ogni livello...

Posta un commento

Articoli correlati

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP