mercoledì 11 marzo 2009

Il Gran Consiglio del berlusconismo

Sarebbe finalmente ora di cominciare spostare lo sguardo verso la Luna. Ci si lascia ipnotizzare dal dito del potere e quello si continua a guardare. Bene che vada, quando ci si sveglia per un attimo dal suddito torpore, ci si occupa di qualche imbecille che sgambetta rinchiuso in una casa piena di telecamere.

I cittadini italiani sono stati privati della pienezza del diritto di voto, attraverso le liste bloccate, senza mostrarsi infastiditi; il governo sta esautorando il Parlamento dei suoi poteri, legiferando a colpi di decreti legge e la gran parte dei cittadini non se ne preoccupa; c'è in Italia un governo che prova ad imbavagliare la magistratura ed è accettato più o meno passivamente; il presidente del consiglio attacca il Capo dello Stato, nella quasi indifferenza.

Gli italiani hanno tanto delegato, che nemmeno un briciolo di coscienza critica è rimasto di propria prerogativa. Al capo è stato dato mandato per fare un po' quello che cazzo gli pare. Al leader carismatico è stato conferito il potere di occuparsi di ogni cosa, togliendo ad ognuno l'impiccio di curarsi e di difendere i diritti generali di liberi cittadini.

Finalmente liberi da intralci che non siano i fatti propri, immediati e personalissimi, chi se ne frega più del diritto di voto, dei diritti civili, dei diritti umani, della difesa delle istituzioni, della democrazia. Chi se ne frega di tutto se si può non pagare l'ICI, anche se poi non ci sono soldi per l'edilizia pubblica; se si può costruire senza vincoli urbanistici, anche se le città diventano invivibili; se i presunti fannulloni vengono colpiti, ma non i milionari dirigenti della cosa pubblica; se il Parlamento viene ridotto ad organo notarile del governo, visto che dicono che la democrazia costa troppo.

Così Silvio IV da Arcore, può permettersi di dire che il Parlamento non deve più votare e che è sufficiente che le decisioni del capo siano sottoscritte dai capigruppo parlamentari. Il ducetto sta cercando di arrogare a sè, oltre che il diritto di decidere chi dei suoi lacchè dovrà sedere in Parlamento, chi dovrà svolgere il ruolo di notaio delle sue decisioni, senza discussioni, senza emendamenti, senza proposte, senza dissensi nè dentro nè fuori dalle istituzioni. Tutto questo senza suscitare troppe preoccupazioni. Può permettersi, il ducetto, di proporre un Gran Consiglio del berlusconismo, senza che si alzino forti grida di sdegno.

Stiamo perdendo la democrazia, ma per la maggioranza degli italiani, pare che la cosa importante sia non perdere di vista il telecomando della TV. Che se pure le cose vanno male, rimane il Grande Fratello a risollevare l'italico morale.

12 commenti:

Riverinflood 11 marzo 2009 19:59  

La vignetta parla da sola. E il comportamento di tutti i sudditi è il comportamento delle persone più inutilmente egoiste e stupide che questa società abbia mai prodotto.

Uhurunausalama 11 marzo 2009 21:35  

Strano che non stia facendo di tutto per fare ogni cosa da solo,senza lacchè o amichetti di merenda;ma poco ci manca,credo!
Alla gente non gliene frega davvero nulla:è il problema di noi italiani!!!perchè ogni volta mi tocca fare l'esempio con i francesi e le loro rivolte popolari (perchè di questo si tratta)che qui sono scomparse da decenni.Ognuno è preoccupato per il proprio orticello e si rende conto che le cose stanno andando a pu**ane solo quando è toccato personalmente:allora,lì, si incazza e grida all'ingiustizia ma,alla fin fine,non fa nulla;si lamenta ma rimane inerme!

Andrew 12 marzo 2009 04:51  

la vignetta dice tutto

Giovanni Greco 12 marzo 2009 17:21  

Sono d'accordo con Riverinflood...
la vignetta parla da sola.

Franca 12 marzo 2009 17:27  

Concordo in pieno con la tua conclusione...

Tisbe 12 marzo 2009 20:28  

C'è da chiedersi se siano stati gli italiani a creare la telecrazia, oppure questi italiani sono il frutto della telecrazia ;-)

l'incarcerato 14 marzo 2009 09:09  

Concordo sempre con te,mi piace la definizione coniata da Tisbe. Stavo dicendo che viviamo in uno Stato Autarchico. Ma telecrazia mi garba di più ;)

chit 22 marzo 2009 17:08  

Considerando che sono stati appena spesi 400.000 Euro per il sistema anti-pianisti mi sembra un'uscita del tutto prevedibile (ma solo secondo le loro menti malate!).
Un solo piccolo appunto; non è vero che gli italiani, o almeno una parte di loro, non sia sensibile a certi scempi. Il problema è che questi fanno diga su tutto e tutti!

Il Blog | Attualità | Psicologia 24 marzo 2009 16:19  

Telecrazia?! E' una parola che si spiega da sola...

Il Blog | Attualità | Psicologia

coscienza critica (italiani imbecilli) 29 marzo 2009 15:15  

Se vuoi, passa da noi a ritirare un premio. Ciao

Imagine 2 aprile 2009 16:24  

ricordo schifani imitato da marcorè che pubblicizzava la camera dei deputati nella nuova veste di locale "ggiusto" per la notte romana

Marco Iannello 6 aprile 2009 15:28  

La vignetta parla da se

Posta un commento

Articoli correlati

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP