giovedì 15 gennaio 2009

"Signorsì"; "mi scusi"; "ha perfettamente ragione"; "le porgo i miei ossequi" ... signor poliziotto

"Signorsì"; "mi scusi"; "ha perfettamente ragione"; "ho commesso un errore"; "lei fa solo il suo dovere"; "me lo sono meritato"; "le porgo i miei ossequi" ...
Da oggi in poi, non è possibile rivolgersi ad un pubblico ufficiale che con termini come questi. Il rischio è quello di soggiornare per tre anni nelle patrie galere. Perchè il Senato ha reintrodotto nel codice penale, il reato di oltraggio a pubblico ufficiale abrogato dieci anni fa. E poichè poco prima, quel "satiro" di Calderoli aveva invece abrogato l'articolo 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944, nel quale era previsto che i cittadini sono esenti da sanzioni «quando il pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio o pubblico impiegato» abbia causato la reazione dei cittadini «eccedendo con atti arbitrari i limiti delle sue attribuzioni», si capisce come il Partito dei Liberticidi cerchi di imporre una totale sottomissione dei cittadini all'autorità.

La parola di un pubblico ufficiale torna ad essere insindacabile, non contestabile. I suoi atteggiamenti possono anche essere sbagliati o arbitrari, può compiere abusi ed andare oltre le sue funzioni, ma comunque sempre non contestabili. Trovarsi di fronte ad una divisa vorrà dire doversi prostrare al suo cospetto, senza contraddire chi quella divisa la indossa, per non rischiare una denuncia.
Ovviamente esultano i sindacati di polizia, che parlano di «rafforzamento dell'autorevolezza dello stato e di credibilità delle Istituzioni». I poliziotti ritengono che «su questa strada bisogna proseguire per rendere più incisiva l'azione di polizia e più autorevole l'immagine della Polizia di Stato». La divisa torna ad essere simbolo di autorità incontestabile e chi la indossa un uomo al servizio di questa e quindi dell'autorità, più che del cittadino. L'autorevolezza ed il prestigio ricercati nella sottomissione dei cittadini, anzichè nel rafforzamento della stima di questi.

Ma le forze di polizia il loro credito l'hanno perso in Piazza Alimonda a Genova nel Luglio del 2001; la loro onorabilità è rimasta fuori dalle stanze della caserma di Bolzaneto e della scuola Diaz. Le divise si sono macchiate quando hanno massacrato Federico Aldrovandi, fino ad ucciderlo. Il rispetto per la divisa non lo si può chiedere a chi si ritrova con le ossa rotte ed il naso spaccato dai tonfa usati impugnandoli al rovescio.
Un pennacchio portato su un cappello non è garanzia di prestigio ed onorabilità incondizionata, anche quando stabilito per legge.

25 commenti:

Uhurunausalama 15 gennaio 2009 11:20  

A quando il ritorno della monarchia?..

Crocco1830 15 gennaio 2009 12:20  

@ Uhurunausalama: non è necessario un monarca per imporre uno stato di repressione. Questo governo pian piano lo sta dimostrando.

Uhurunausalama 15 gennaio 2009 12:35  

Hai perfettamente ragione!PErò se lo mettessero anche sulla carta farebbero un atto di coerenza...tanto siamo ridotti forse anche peggio...

Elsa 15 gennaio 2009 12:42  

pssss le foto!!!!!
Elsa:))

Elsa 15 gennaio 2009 12:43  

pssss le foto!!!!!
Elsa:))

Crocco1830 15 gennaio 2009 12:57  

@ Uhurunausalama: darebbero effettivamente troppa visibilità allo scempio che stanno facendo.

@ Elsa: ti riferisci al tuo post, giusto? Vengo a vedere le altre.

XPX 15 gennaio 2009 14:02  

Tanto poi condonano e indultano tutte le pene sotto i 3 anni ... per cui ... la solita propaganda.

Crocco1830 15 gennaio 2009 14:07  

@ XPX: questa propaganda legislativa però, ha effetti diretti nella realtà.

Riverinflood 15 gennaio 2009 14:22  

Un pennacchio portato su un cappello...
non è garanzia eccetera
ma un bel pernacchio ci va, perbacco!

Anticlericale89 15 gennaio 2009 15:02  

Che schifo,io me ne vado.
Bisogna denunciare questo stato all UE,la corte di giustizia Europea già in passato non si è dimostrata indulgente con l itaglietta e ha fatto bene.

Franca 15 gennaio 2009 15:14  

"...La parola di un pubblico ufficiale torna ad essere insindacabile, non contestabile. I suoi atteggiamenti possono anche essere sbagliati o arbitrari, può compiere abusi ed andare oltre le sue funzioni, ma comunque sempre non contestabili..."

Fatto grave, anzi gravissimo, ma tanto in pratica era già così...

Crocco1830 15 gennaio 2009 15:45  

@ Riverinflood: sì, un bel pernacchio che scompigli le penne

@ Anticlericale: non so fino a che punto l'UE possa realmente ed efficacemente influenzare gli stati membri. Ma un intervento sarebbe comunque auspicabile.

@ Franca: è vero, in pratica era già così. Ma ora dalla loro hanno uno strumento legislativo.

@ Aride: non sono un amante delle citazioni, ma questa di Oscar Wilde mi piace proprio: "La disobbedienza, per chiunque conosca la storia è la virtù originale dell'uomo. Con la disobbedienza il progresso è stato realizzato; con la disobbedienza e con la rivolta."

pierprandi 15 gennaio 2009 16:37  

A quando il ripristino della santa inquisizione...? Stiamo toccando il fondo...In fondo è tutto come prima solo che ora non dovranno nascondersi, da occhi indiscreti,dentro a una caserma..Possono farlo in pubblica piazza.

La Mente Persa 15 gennaio 2009 16:37  

Monarchia con forze dell'ordine asservite al potere?
Mi ricorda la P2!
Gio

Crocco1830 15 gennaio 2009 17:19  

@ Pierprandi: purtroppo in qualche modo abbiamo anche la santa inquisizione. Ma siccome la restaurazione non era completa, è stato fatto un altro passo indietro.

@ La mente persa: beh ... diciamo che qualcuno dei nostri governanti conosce bene il "piano di rinascita democratica".

BC. Bruno Carioli 15 gennaio 2009 22:36  

Presto sarà ripristinato il divieto di soggiornare in luogo pubblico in più di tre persone. ;-))

Crocco1830 15 gennaio 2009 22:47  

@ Bruno: da qualche parte in Italia esiste già qualcosa del genere o che ricorda provvedimenti simili. Ma per ora riguarda solo amministrazioni locali. Che sia in fase sperimentale?

Andrew 16 gennaio 2009 01:59  

concordo con franca

Cesco 16 gennaio 2009 09:40  

Direi che il quadro è completo. La lega, anzichè preoccuparsi dei problemi veri si preoccupa che i poliziotti possano picchiarci e farsi corrompere come e quando vogliono, e nel frattempo non hanno approvato neanche un emendamento presentato dal PD per tutelare le donne dalle violenze che subiscono ogni giorno. Tutte le volte che vedo la faccia di Calderoli, Borghezio, Bossi e gli altri pagliacci dentro la mia testa torna in mente solo piazzale Loreto, ma forse sono un pò troppo drastico.

l'incarcerato 16 gennaio 2009 12:30  

Come avevo scritto nel mio post, la polizia non si processa più. Siamo noia d essere processati se ci difendiamo. Bisognerebbe sperare nei giudici che hanno un minimo di buon senso, ancora peggio...

Crocco1830 16 gennaio 2009 15:28  

@ Andrew: è vero. Ma il fatto che abbiano una legittimazione peggiora le cose.

@ Cesco: i poliziotti che picchiano sono funzionali al progetto politico.

@ L'incarcerato: purtroppo le ultime sentenze su fatti di pestaggi non fanno ben sperare.

chit 20 gennaio 2009 22:34  

Non male l'idea di essere menati a "norma di legge vero"...

Scusami il ritardo con cui passo a ringraziarti per aver ripreso la notizia ma ero via per lavoro.
Nessun problema allo scambio di link e Grazie ancora

Crocco1830 22 gennaio 2009 14:55  

@ Chit: ... e magari la usano in maniera retroattiva!

Matteo Pastore,  10 febbraio 2009 12:23  

Non condivido. Un polizziotto è comunque un essere umano e quindi fallace. Caricato di tutto questo potere farà sicuramente degli abusi e dei torti, perchè se non la pensi come lui sei finito. Poi non condivido la reazione sui fatti di Genova. Qui do' pienamente alla polizia. Quei ragazzi mascherati, con spranghe e bastoni e che hanno letteralmente sfasciato una città e provocato enormi danni ai cittadini estranei a tutto, ebbene voi filocontestatori ad oltranza veramente volete farci credere che quei ragazzi si fossero radunati tutti a Genova per un Petit Dejeuner sur l'herbe? Ma fatevi furbi. Pensando che noi siamo cosi' cretini da credervi, dimostrate solo di essere voi completamente cretini.

Posta un commento

Articoli correlati

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP