venerdì 16 gennaio 2009

Ibrahim gridava: "Papà, sto morendo!" ...

Tutto. Bombardano tutto. Gli aerei israeliani sorvolano i cieli di Gaza e fanno cadere le loro bombe su scuole, ospedali, sedi ONU. Dove c'erano bambini, dove si trovavano feriti e malati, dove erano immagazzinati aiuti alla popolazione.
Bambardano tutto e tutti. Anche dove c'è la parte più indifesa della popolazione civile. Perchè anche così si genera paura. Terrore.
Smentite arrivano spesso da parte israeliana. Poi una difesa, dicendo che in quei luoghi si nascondono miliziani di Hamas. Poi a volte le scuse, ufficiali ed inutili. Ridicole ed ipocrite. Poi, siccome è bene che non si sappia quello che succede da quelle parti, si attacca la torre ash-Sharq che ospitava diversi uffici di tv e agenzie stampa, tra cui la Reuters.

Si attaccano le sedi dell'informazione perchè non si deve sapere. Non devono essere divulgate le testimonianze che raccontano della brutalità delle azioni israeliane. Non si deve sapere della ferocia criminale dei soldati isareliani. Non deve venire fuori dei massacri perpetrati su corpi innocenti ed inermi, che non trovano alcun rifugio ai colpi israeliani.

Non si deve sapere di Ibrahim, ucciso a sangue fraddo da soldati israeliani. Ibrahim, 9 anni, aveva chiesto alla mamma di poter fare colazione in giardino quella mattina. Voleva godere di un momento di pace. Voleva sentire, per il tempo breve della colazione, che sapore avesse la serenità. Ma quando il tavolo è posizionato in giardino, un missile distrugge la casa di Ibrahim. Il piccolo è colpito ed al padre che si precipita al suo fianco grida: «Papà, sto morendo!».
Ma il suo papà non ha potuto tentare di salvarlo, perchè due soldati si sono avvicinati al piccolo. Uno ha girato il corpo di Ibrahim e l'altro lo ha finito con un colpo alla testa. Poi entusiasti del loro gesto disumano, si sono allontanati.

Non si deve sapere che per cinque giorni il corpo senza vita di Shahd, un bambino di 4 anni, è rimasto dove è stato raggiunto dai proiettili israeliani. Per cinque giorni! Cinque giorni durante i quali il fratello di Shahd, Matar, e suo cugino, Mohamed, hanno cercato invano di raggiungere il suo corpo. Ma dovevano ogni volta indietreggiare, sotto la pioggia di proiettili israeliani. Per cinque giorni hanno tentato di recuperare quel corpicino. Invano.
Perchè al quinto giorno, quando il corpo del piccolo Shahd era già diventato pasto per i cani randagi, nell'ennesimo tentativo di dare dignità alla morte del piccolo, anche Matar e Mohamed hanno trovato lo stesso destino di morte che aveva raggiunto Shahd. Anche loro, colpiti a morte dai proiettili dell'esercito israeliano.

Non si deve sapere. E' la propaganda che si deve diffondere, che deve essere ascoltata ed accettata. Solo così Ibrahim e Shahd e Matar e Mohamed e altri trecento bambini, diventano terroristi. E' così che smettono di essere bambini.

14 commenti:

La Mente Persa 16 gennaio 2009 16:43  

orrore! Non riesco a commentare.
Perdonami.
gio

Crocco1830 16 gennaio 2009 17:11  

@ Riverinflood: ... io anche un po' incazzato!

@ La mente persa: ti capisco benissimo.

Uhurunausalama 16 gennaio 2009 17:48  

Non ho parole,credimi...Provo solo tantissima tristezza...

Aride 16 gennaio 2009 20:31  

E qualcuno, troppe persone, per la verità si ostina ad essere equidistante...
Fanculo.

Crocco1830 16 gennaio 2009 20:43  

@ Uhurunausalama: ti credo, ti credo.

@ Aride: in questa guerra, equidistanza è spesso sinonimo di ipocrisia. Appoggio il tuo fanculo.

il Russo 17 gennaio 2009 11:54  

L'unico che in televisione ha provato a dire le cose che tu e tutti noi diciamo da giorni, Santoro, è sotto attacco addirittura da parte della stessa terza carica dello Stato.
Abbiamo voglia a fare informazione, qua siamo alla scomparsa dei fatti altrochè...

pierprandi 17 gennaio 2009 15:23  

Aggiungerei a quello detto dal Russo che a Annozero sono stati anche troppo buoni, non è stato detto e fatto vedere tutto...Eppure lo criticano... Riguardo al post, grande tristezza...Un saluto

Crocco1830 17 gennaio 2009 20:43  

@ Il Russo: hai perfettamente ragione. Se la politica, con le sue più alte cariche interviene su un programma televisivo, vuol dire proprio che l'informazione, quella vera, può fare può incrinare i loro meccanismi.

@ Pierprandi: è vero. Ci sarebbe stato molto altro. Ma credo che ci sia stata un'autocensura per evitare immegini troppo cruente in prima serata. Ma certe verità sono comunque venute fuori.

Franca 18 gennaio 2009 13:22  

Criminali: questo è l'unico aggettivo che si può dare loro...

Erika B. 19 gennaio 2009 17:25  

già.
Però stamattina ho sentito al radiogiornale una notizia che ci rallegra il cuore!

"daremo soccorsi umanitari per tre ore"

Israele ha un cuore d'oro.

No ho parole.

l'incarcerato 20 gennaio 2009 00:02  

...e poi dicono che Santoro ha condotto una trasmissione indecente! Ma indecenti lo saranno loro!

alexilgrande 22 gennaio 2009 11:38  

Bel blog. Mi piace moltissimo.


ps: Ti va di scambiarci il link?

Crocco1830 22 gennaio 2009 15:11  

@ Franca: solo per rimanere su termini leggeri.

@ Erika B.: è già. Un cuore d'oro. Hanno concesso anche il tempo per un caffè al bar (sic!)

@ L'incarcerato: indecente è la disinformazione. Questa sì, criminale che ammazza il vero giornalismo, come quello di giovedì scorso ad Annozero.

@ Alexilgrande: vengo a farti visita.

Posta un commento

Articoli correlati

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP