lunedì 24 agosto 2009

Lo sfogo di chi ogni giorno si batte per avere più sicurezza nei luoghi di lavoro

Pubblico questa lettera inviatami da Marco Bazzoni. E' praticamente lo sfogo di un RLS, un lavoratore, una persona, che ogni giorno si batte per avere più sicurezza nei luoghi di lavoro. E' uno sfogo di chi vede che nonostante le tante parole di circostanza quando si verificano incidenti eclatanti; nonostante le battaglie per migliorare le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro; nonostante i morti sul lavoro; nonostante i licenziamenti per difendere la salute e la sicurezza sul lavoro; nonostante tutto le condizioni vanno peggiorando. Anche grazie alla complicità di un'informazione silente, su questo tema.
Evidentemente tutti gli infortuni, gli invalidi, le malattie professionali e le morti sul lavoro non sono abbastanza se il Governo Berlusconi ha pensato bene di smantellare il Dlgs 81/08 (testo unico per la sicurezza sul lavoro) con il Dlgs 106/09 (decreto correttivo), piuttosto che renderlo funzionale. E pensare che il Ministro del Lavoro Sacconi dopo la strage sul lavoro al depuratore di Mineo (CT) dell'11 giugno 2008, che costò la vita a sei operai comunali, annunciò un piano straordinario per la sicurezza sul lavoro. Se per piano straordinario intendeva questo decreto, beh, allora stiamo freschi. Per anni è stato chiesto pene più severe per i datori di lavoro che sono responsabili di gravi infortuni e morti sul lavoro e per quelli che non rispettano la sicurezza sul lavoro. Ed il governo che fa, dimezza la maggior parte delle sanzioni ai datori di lavoro, dirigenti e preposti. Non contento, non potenzia neanche i controlli. Dio non voglia che qualche imprenditore becchi qualche multa: con lo scarso personale ispettivo delle Asl è praticamente impossibile ricevere un controllo, in quanto, se va bene un'azienda riceverà uno ogni 33 anni. Ma non è finita qui, onde evitare che qualche imprenditore finisse in galera si è previsto che al posto dell'arresto, possano pagare la multa, e faranno tutti così, statene certi. Inoltre, la salva manager non è stata cancellata, ma semplicemente riscritta, non è spudorata come la precedente, ma da sempre spazio a manovre e cavilli a favore dei manager. Non capisco ancora come Napolitano abbia potuto firmare questo decreto, sapendo che questa norma non era stata cancellata. L'intento di questa norma è evidente, scaricare le responsabilità dei manager su preposti, lavoratori,progettisti, fabbricanti, installatori e medici competenti. Non essendoci certezza della pena, anche se nella remota ipotesi un datore di lavoro venga condannato per la morte di un lavoratore, il carcere "lo vedrà con il binocolo". Quando penso al povero Andrea Gagliardoni, morto il 20 giugno del 2006 a soli 23 anni con la testa schiacciata in una pressa tampografica nella ditta Asoplast di Ortezzano (AP), al povero Matteo Valenti, morto bruciato, dopo 4 giorni di agonia per un gravissimo infortunio sul lavoro (8 novembre 2004) nella ditta Mobiloil di Viareggio, ai quattro operai morti carbonizzati nell'esplosione alla Umbria Olii di Campello sul Clitunno (25 novembre 2006), allo loro famiglie che non avuto neanche giustizia ( 8 mesi con la condizionale per la morte di Andrea Gagliardoni, 1 anno e 4 mesi con la condizionale per la morte di Matteo Valenti, mentre quello per la morte dei 4 operai alla Umbria Olii manco è iniziato, e non sappiamo neanche se inizierà mai), mi domando: ma in che paese viviamo? Ci definiamo una "Repubblica fondata sul lavoro", ma forse sarebbe più corretto dire, una "Repubblica fondata sulle morti sul lavoro". Come si fa a definire civile, un paese dove ogni anno ci sono 1200 morti sul lavoro? Qualcuno adesso dirà che nell'anno 2008 ci sono stati 1120 morti sul lavoro (secondo l'Inail) e che c'è stato anche un calo degli infortuni sul lavoro. Ma andrebbe ricordato a quel qualcuno, che nel 2008 c'è stata la più grossa crisi finanziaria ed economica dal secondo dopoguerra ad oggi, e che quel calo dipende più da questo (cassaintegrazione, mobilità, chiusure di aziende), che a una maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro. Che poi, se vogliamo proprio dirla tutta, i dati dell'Inail non sono oro colato, ma solo un punto di riferimento. Questi dati non tengono conto degli infortuni denunciati come malattia, che si stima siano intorno a 200 mila ogni ann, se non oltre, di tutti i lavoratori che muoiono in "nero" che vengono abbondonati fuori dai cantieri o dalle fabbriche. Poi ci sono gli Rls che denunciano la scarsa sicurezza in azienda, che vengono minacciati, multati o peggio ancora licenziati, come è successo al povero Dante De Angelis, la cui unica colpa è quella di aver denunciato prima alla sua azienda, e poi ai mezzi d'informazione la scarsa manutenzione e sicurezza sui treni eurostar. E' passato un anno dal suo licenziamento, ma ad oggi non è stato ancora reintegrato, nonostante le migliaia di firme raccolte a suo favore, nonostante che quello che aveva denunciato si sia rivelato tristemente vero, nonostante il 29 giugno 2009, ci sia stato a Viareggio un disastro ferroviario, che ha fatto a tutt'oggi 29 morti. E intanto abbiamo un ex sindacalista a capo di FS, che va dicendo a destra e a manca, che le ferrovie italiane sono le più sicure d'Europa...Vale la pena ricordare, che dal 14 giugno 2009 è stato introdotto il "macchinista unico", e purtroppo, gli incidenti ferroviari, sono destinati tristemente ad aumentare. Ha davvero ancora senso andare avanti con questa "battaglia" per più sicurezza, o tanto varrebbe mollare qui? Perchè è quello che sto pensando di fare.

Marco Bazzoni
Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

10 commenti:

Crocco1830 24 agosto 2009 10:18  

Caro Marco, non mollare. So che l'ultima frase della tua lettera, è stata scritta con la rabbia e la delusione in corpo. Ma non si può smettere di lottare. Andiamo avanti.

Maraptica 24 agosto 2009 13:13  

Si tutela solo l'imprenditore, il datore di lavoro. Il lavoratore può morire cento volte, la sua vita non ha valore. Smettere di lottare e rassegnarsi a questo? Mai.

andreacamporese 24 agosto 2009 14:35  

Io in prima persona ho vissuto la cassa integrazione ed il divario psicologico e materiale che divide le Calssi Dirigenti dai lavoratori. Fortunatamente io, ingegnere di 31 anni, per motivi familiari ho trovato lavoro altrove prima dello scoppio della bomba nella mia ex azienda, ma ne ho viste tante, nei cantieri dove ho prestato servizio e nei nostri uffici.
Bisogna continuare a lottare, a denunciare e non farsi intimidire dai cinici della vita "che tanto non cambierà mai nulla".
Saluti

Daniele Verzetti il Rockpoeta 24 agosto 2009 20:20  

Dei lavoratori non interessa nessuno neanche la sinistra che non ha fatto molto per impedire tutto questo.

Amarezza giustificata ma provare a lottare ancora é doveroso.

Matteo 24 agosto 2009 23:09  

Ho tutta la comprensione per questo lavoratore, uno dei pochi che ha ancora il coraggio, la voglia e la forza di lottare. Sono rimasti in pochi, ignorati dai media, tra l'indifferenza di tutti coloro che non rischiano la vita sul lavoro, e a volte persino di quelli che la rischiano.
Per me sono questi i veri eroi, altro che soldati morti in Afghanistan.

chit 26 agosto 2009 10:18  

Sicurezza sul lavoro e lotta per pari diritti e pari dignità dovrebbero essere le basi su cui costruire invece rimangono traguardi da raggiungere lottando. E non lo trovo per niente giusto. Queste sono le grandi lotte del nuovo secolo!

Franca 29 agosto 2009 18:09  

Come si fa a commentare una lettera come questa?

Uhurunausalama 29 agosto 2009 19:07  

Sono appena tornata dal corso 626:se anche il preparatore di un cors odel genere alza le mani di fronte al tema sicurezza sul lavoro,che strada possiamo percorrere?

l'incarcerato 4 settembre 2009 15:27  

Passo innanzitutto per salutarti, sulle morti bianche sai quante parole ho speso e spenderò, questa è una lettera davvero amara e vedo che la sinistra extraparlamentare non sta spendedo energie per questa causa. Se iniziassero da De Angelis in maniera forte e compatta, si potrebbe smuovere qualcosa.

Ma ti rendi conto che ne ha parlato anche Grillo?

Giancarlo 6 settembre 2009 22:12  

sebbene non venga mai a commentare il tuo blog ti leggo sempre e ti ho insignito del premio Honest Scrap, passa a trovarmi :) http://constatazioni.blogspot.com/

Posta un commento

Articoli correlati

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP